Le tecniche di vendita: grande opportunità

Scritto da

Le tecniche di vendita: grande opportunità

Apprendere le tecniche di vendita significa dotarsi di un asset che si può spendere sul mercato del lavoro in tantissime situazioni. “Tecniche di vendita” è una definizione decisamente antiquata di una disciplina che fa riferimento alla capacità di affrontare un cliente, di ascoltarne e comprenderne le necessità e i bisogni (i famosi bisogni descritti dallo psicologo Abraham Maslow in un mitico libro degli anni 50 che ha segnato generazioni), e poi di presentare un prodotto nel modo più efficace e infine di chiudere un contratto di vendita. Imparare a vendere, imparare le tecniche di vendita, significa non solo imparare un mestiere, quello di venditore, che non conosce crisi sul mercato del lavoro, ma anche apprendere un’attività che sarà utilizzabile sul lavoro in mille occasioni.

I venditori sono di più tipi: ci sono i venditori porta-a-porta, il gradino più basso della carriera, quelli che senza un programma commerciale definito, vanno nelle case per vendere qualcosa, come i mitici venditori della Folletto. Poi ci sono i rappresentanti e gli agenti di commercio, che normalmente vanno a vendere, pagati a provvigione, cioè in percentuale sul fatturato effettivamente raggiunto, e che operano con i negozianti, con i rivenditori. Ci sono poi i venditori dipendenti, normalmente utilizzati da aziende di tecnologie, che spesso sono esperti di prodotto e che effettuano la vendita nel settore business to business, e cioè ad altre aziende o organizzazioni della pubblica amministrazione. Ci sono poi i moderni venditori dei call center (Accueil – www.accueil.it – è ad esempio un’azienda del settore) che operano da un ufficio e che sono inquadrati come dipendenti e hanno una retribuzione mista, fatta di stipendio e di premi di produzione.

Ma questo, imparare a vendere, padroneggiare le tecniche di vendita, è solo in primo passo: chi ha ottenuto dei risultati può crescere in azienda nel settore della vendita, diventando responsabile di filiale, o di gruppo di lavoro, o di sede commerciale, fino a diventare direttore vendite o direttore commerciale. Ma il settore del marketing è confinante con la vendita, e quindi chi ha un’esperienza di questo tipo finisce per essere richiesto anche nel settore marketing. Ma aver fatto il venditore apre comunque tutte le strade del management aziendale, perché è un’esperienza in cui si è dimostrato di saper lavorare per obiettivi, di essere flessibili su tutti i lavori, capaci di adattarsi ai cambiamenti di mercato.