Scaffalature industriali: cosa sono e a cosa servono

Scritto da

La struttura aziendale di ogni singola attività commerciale presente sul mercato, è composta da un magazzino.
Con il termine magazzino può essere utilizzato in due casi:
1) nel primo caso viene utilizzato per indicare un edificio, che permette di andare a raccogliere i materiali da lavoro;
2) nel secondo caso viene utilizzato (sotto il punto di vista contabile) per indicare le voci delle scorte aziendali presenti nel bilancio a fine esercizio.

IL MAGAZZINO: EDIFICIO

Il magazzino, inteso come edificio, è una struttura che permette all’azienda di poter ricevere le merci, conservarle effettuando lo stoccaggio ed infine vengono messe a disposizione per la fase di smistamento, spedizione e per la fase di consegna al cliente finale.

Ovviamente il magazzino come edificio (che è presente in azienda) prevede una determinata sequenza che consiste in:

– una prima sezione vengono posizionate le materie prima che arrivano in azienda,
– un ulteriore sezione vengono posizionate le materie poi i prodotti finiti che devono essere spediti e consegnati al cliente finale.

Ogni singolo prodotto che entra in azienda, per poter essere riconosciuto ed individuato oltre ad essere catalogato all’interno dei sistemi informatici, viene schedato. La scheda viene a contenere tutte informazioni del prodotto come il codice prodotto, descrizione e la quantità.

ATTREZZATURE DA MAGAZZINO

All’interno del magazzino prima di poter depositare la merce che entra ed esce dall’azienda, possiamo notare che l’imprenditore colloca delle attrezzature tipiche come le cosiddette scaffalature industriali.

Le scaffalature sono presenti nel magazzino perché su di esse vengono posti tutti i prodotti e le materie prime. Infatti il primo passo che viene fatto dall’imprenditore per poter collocare quest’ultime, prevede una serie di azioni che gli permettono di andare a conoscere meglio l’edificio ed arredarlo al meglio.

Quest’ultima fase indicata infatti prevede che l’imprenditore debba conoscere l’altezza dell’edificio, deve conoscere quali sono le travi portanti della struttura, la copertura, le posizioni delle vie di carico e scarico e di distribuzione, il disegno con le diverse indicazioni per le vie di fuga dalla struttura, i dispositivi di sicurezza ed il layout per la movimentazione.

CARATTERISTICHE DEGLI SCAFFALI DI MAGAZZINO

Gli scaffali che vengono acquistati per essere immessi nel magazzino, non prevedono l’utilizzo della tecnologia, proprio per tale motivo che essi vanno a rappresentare l’efficienza e la sicurezza del magazzino.

Siccome essi vengono considerati efficaci ed efficienti, la loro progettazione deve essere accurata e coordinata con gli altri elementi che vengono introdotti nel magazzino.

Con i termini di efficacia ed efficienza delle scaffalature di magazzino stiamo ad indicare la loro predisposizione ad essere idonee ad accogliere le diverse quantità di merce che arrivano in azienda per realizzare il prodotto finito, ciò infatti ci permette di effettuare una classifica delle scaffalature presenti sul mercato che sono progettate per il magazzino.

Di conseguenza possiamo fare degli esempi di alcune tipologie principali come:

1) scaffalature industriali per pallet (ovvero quelle scaffalature che sono utilizzate per i carichi e determinate unità di carico come i contenitori);
2) scaffalature industriali per cassette
3) scaffalature industriali per carichi speciali.

Queste categorie appena accennato fanno rifermento al punto costruttivo, alla tecnica del montante forato e l’utilizzo della trave di sostegno.

Per queste tre categoria sopracitate sono presenti diversi scaffalature sul mercato, proprio per questo possiamo andare ad elencarne diverse.

Nella prima categoria riguardante le scaffalature per pallet troviamo: scaffalatura porta pallet, scaffalatura a corridoi caricabili (definiti anche drive in), scaffalature a canali caricabili (definiti anche scaffalature per shuttle), scaffalature a gravità e scaffalature compattabili.

Nella seconda categoria ovvero delle scaffalature per cassette troviamo: scaffalature industriali a ripiani, scaffalature a vaschette, a gravità, compattabili e scaffalature soppalcate.

Nella terza ed ultima categoria di scaffalature industriali troviamo: scaffalature cantilever per carichi lunghi e scaffalature per bobine.

Queste suddivisioni permettono ai soggetti di orientarsi meglio per l’acquisto di materiali da arredo per i loro magazzino.

Ogni singola attività comporta ad essere più orientati per l’acquisto di determinate attrezzature per rendere il magazzino più adatto alle proprie esigenze in modo da poter emettere sul mercato il prodotto finito senza impiegare molto tempo per la ricerca della materia prima presente in azienda.

La collocazione infatti di queste materie prime sugli scaffali adeguati permettono di avere un magazzino ordinato.

L’ordine infatti permette agli operatori che sono addetti a tali reparto di poter effettuare tutte le operazioni di supervisione. Questa fase risulta essere anche molto importante perché vengono controllati anche tutti gli imballaggi per eventuali danni che possono presentare i prodotti e permette al personale di andare a garantire la stabilità della merce.

Qualora le merci dovessero presenterai dei danni, il suo compito è quello di chiedere delle informazioni e chiarimenti ai fornitori.

Per approfondire sui servizi di scaffalature industriali, visita il sito scaffalaturemetallicheroma.it.